Salute delle donne: Fondazione Roche impegnata insieme al Policlinico “P. Giaccone” per promuovere lo screening HPV

05 ottobre 2018
Salute delle donne: Fondazione Roche impegnata insieme al Policlinico “P. Giaccone” per promuovere lo screening HPV


In una Regione da sempre sensibile alla tutela della salute della donna, Fondazione Roche promuove un programma di screening gratuito per le dipendenti del Policlinico “P. Giaccone”, grazie alla donazione di 300 test diagnostici di ultima generazione per l’identificazione del Papilloma Virus (HPV)

Palermo, 5 ottobre 2018 – Al via una giornata interamente dedicata alla salute della donna presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico “P. Giaccone” di Palermo, promossa da Fondazione Roche nell’ambito delle attività rivolte alla prevenzione, diagnosi, cura ed assistenza della persona.

L’iniziativa, dal titolo “Screening e sorveglianza di Papillomavirus umano (HPV) e delle patologie HPV-correlate”, è innanzitutto un’occasione di confronto e dibattito sul piano di screening e prevenzione per il Papilloma Virus – principale causa del tumore al collo dell’utero. Il progetto, inoltre, intende monitorare la diffusione della pratica di vaccinazione e l’esecuzione dei controlli post-vaccinali con l’obiettivo altresì di monitorare le infezioni con tipi virali non inclusi nel vaccino.

Al centro della collaborazione tra Fondazione Roche e il Policlinico “P. Giaccone” la possibilità per tutte le dipendenti dell’ospedale di aderire gratuitamente alla campagna di screening HPV grazie alla donazione di 300 test diagnostici che la Fondazione ha messo a disposizione.

“Siamo molto orgogliosi di questo progetto, realizzato a poco più di nove mesi dalla nascita della nostra Fondazione” commenta Francesco Frattini, Segretario Generale di Fondazione Roche “Questa collaborazione, che si concretizza con la donazione di centinaia di test diagnostici di ultima generazione per la rilevazione del Papilloma Virus, testimonia ulteriormente la volontà di Fondazione Roche di accendere i riflettori sui bisogni di salute non solo del paziente, ma prima di tutto della persona. Impegnarci al fianco delle donne, insieme alle istituzioni e al mondo scientifico beneficiando della lunga storia nel campo della salute dei nostri soci fondatori è l’esempio di valore condiviso che intendiamo generare a favore della comunità”.

Accendere i riflettori sui bisogni di salute dei cittadini significa prima di tutto saper anticipare questi bisogni. Oggi sono pochi i tumori che possono contare sulla possibilità di essere prevenuti come quello alla cervice uterina, per questa ragione lo screening preventivo e il piano nazionale di vaccinazione rappresentano un’opportunità affinché i traguardi della ricerca scientifica e le priorità di salute pubblica si sovrappongano a favore di tutte le donne.

La Sicilia è stata, già nel 2007, una delle prime regioni italiane a offrire la vaccinazione gratuita a tutte le ragazze che avevano compiuto 11 anni e quindi nate nel 1996. È grazie all’attenzione e alla sensibilità che negli anni questa Regione ha mostrato nei confronti della salute della donna, che questa collaborazione virtuosa ha potuto prendere vita.

“Questo progetto nasce dalla volontà di mettere in campo un’azione di “ospedale della prevenzione”, affinché anche le attività di prevenzione e quindi di screening possano partire anche direttamente dalle strutture ospedaliere” aggiunge il Prof. Alberto Firenze, Presidente Nazionale dell’Associazione Scientifica Hospital & Clinical Risk Manager e Responsabile dell’Unità di staff Risk Management e Qualità dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico “Paolo Giaccone” di Palermo “Attraverso questa iniziativa auspichiamo di fare un passo avanti nel rafforzamento della rete per la continuità tra ospedale e territorio, chiaramente senza sostituirci alle strutture deputate allo screening, ma con l’intento di sostenerle e supportarle”.